La anorgasmia: tutto quello che vorresti sapere

La anorgasmia: in cosa consiste, dettagli e informazioni utili

La anorgasmia è l'impossibilità di raggiungere l'orgasmo, ovvero il culmine del piacere, anche in presenza di opportuna e intensa stimolazione sessuale.

Si tratta al cento per cento di uno degli elementi che rappresentano un impedimento a vivere nel modo corretto l'amore unito al sesso. 

L'anorgasmia può anche essere masturbatoria, se l'incapacità di raggiungere il piacere si presenta nel corso di una masturbazione, mentre l'anorgasmia coitale fa riferimento a non riuscire a raggiungere l'orgasmo durante un rapporto sessuale. 

L'anorgasmia è un disturbo che può interessare sia gli uomini che le donne, anche se c'è una incidenza superiore nelle donne.

Questo problema è uno dei principali motivi per cui la donna è spesso indotta a fingere l'orgasmo durante i rapporti sessuali.

Da cosa dipende l'anorgasmia? Può essere risolta? In che modo?

Cerchiamo di rispondere ad ogni domanda. L'anorgasmia può essere causata da stati di ansia molto intensi oppure da traumi a livello fisico fra cui:

Quando si parla di ansia, ci si riferisce in particolare all'ansia da prestazione e una concentrazione eccessiva rivolta al piacere del partner e non al proprio. L'abuso di antidepressivi è un'altra diffusa causa di anorgasmia, strettamente legata alla impotenza, alla eiaculazione precoce, al calo di libido.

Una soluzione esiste e la si raggiunge attraverso due strade che devono essere percorse in contemporanea. Da un lato occorre impegnarsi nel desiderio non solo di appagare sessualmente il partner ma concentrarsi anche su se stessi, su cosa aiuta a raggiungere l'apice del piacere e quindi l'orgasmo. Dall'altro occorre l'aiuto di farmaci come il Lovegra, il Viagra, il Cialis, il Kamagra 100 Oral Jelly e molti altri che stimolano l'eccitazione, potenziano il piacere e favoriscono un orgasmo pieno e soddisfacente per entrambi i partner. 

Quali tipi di anorgasmia esistono

La medicina ha individuato vari livelli di anorgasmia. Eccone i principali, in ordine di complessità:

  • Anorgasmia primaria: viene definita anche assoluta e riguarda quelle persone che nella vita non hanno mai raggiunto l'orgasmo. Spesso dipende da timori infondati o da una scorretta cultura sessuale che genera forti freni inibitori.
  • Anorgasmia secondaria: in questo caso, chi ne è affetto tende nel tempo a perdere la capacità di arrivare all'orgasmo.
  • Anorgasmia casuale: si presenta in determinate situazioni, con determinati partner o in determinati ambienti, e in questi casi la donna specialmente riesce a raggiungere l'orgasmo solo con la stimolazione clitoridea oppure vaginale.
  • Anorgasmia generalizzata: l'anorgasmia in questo caso non è casuale, e soggetta all'ambiente o al contesto specifico, ma si presenta sempre.
  • Anorgasmia coitale pura: in questa circostanza non si riesce a raggiungere l'orgasmo nell'ambito del coito ma unicamente dietro stimolazione orale oppure manuale.
  • Anorgasmia acquisita da urge incontinence: è un tipo di anorgasmia esclusivamente psicologico. Chi ne è affetto blocca inconsciamente l'arrivo dell'orgasmo per il timore di non controllare l'urina durante l'orgasmo e di lasciarla fuoriuscire senza controllo appunto.

Come comportarsi in presenza di anorgasmia

I soggetti affetti da anorgasmia, come abbiamo visto, possono seguire la strada farmacologica, attraverso l'ingestione di pillole reperibili presso la farmacia on line, quali il Viagra, il Lovegra, il Cialis, il Levitra o altri e contemporaneamente devono trovare il modo di parlarne con il proprio partner. Capire il proprio blocco e parlarne è una terapia che aiuta molto. Concentrarsi anche sul proprio piacere, contribuisce a migliorare la capacità di raggiungere l'orgasmo. 

Occorre imparare a saper chiedere. Saper chiedere di essere toccati in un certo modo, di avere rapporti sessuali in un determinato modo, che procuri un piacere intenso. Andare alla ricerca del se e delle proprie esigenze o delle gestualità che sono eccitanti, è il passo fondamentale per il raggiungimento di un orgasmo pieno e intenso, che faccia piacere non solo a se stessi ma anche al proprio partner, che il più delle volte è in grado di percepire il godimento e l'eccitazione dell'altro e trasformarlo in eccitazione e piacere a sua volta per se stesso.

Parlare aiuta sempre e sperimentare nuove posizioni, nuove carezze, nuovi modi di toccarsi diventa uno stimolo importante per riuscire a raggiungere il culmine del piacere e un orgasmo pieno di soddisfazione. Il sesso in questo modo esplora nuove vie e diventa sempre più eccitante, a beneficio dell'orgasmo.